Piano di Vassola (2)

Il Piano di Vassola in Val Grande di Lanzo (Comune di Chialamberto)

Eccomi qui a tentare di riassumere le risposte che mi sono giunte in merito al progetto di costruzione dellaPiano di Vassola diga al Piano di Vassola. Manca comunque la risposta che tanto attendevo: “A che punto è il progetto?“. “Il Comune di Chialamberto ha preso una decisione?“. L’aspetto davvero drammatico è che non siamo riusciti ad ottenere nulla. Non sappiamo se la diga si farà, se il progetto è stato abbandonato o se è ancora in fase di valutazione. Ho solo paura che dietro a tutto questo silenzio, molto italiano, ci sia qualche affare poco pulito. Ci sarebbe da stupirsi? Ci sarebbe da meravigliarsi se scoprissimo che a “sporcare” la montagna non c’è solo l’inquinamento, che noi tutti produciamo quotidianamente, ma anche quell’inquinamento che deriva dal malcostume e della illegalità diffusa? Noi, almeno noi del CAI, cerchiamo di essere come delle sentinelle, come dice Paolo Rumiz. Tolti gli spazi immensi di libertà, che la montagna sa offrire, cosa rimane del nostro mondo? Tolta quella relazione con la montagna con cui si realizza la pienezza del rapporto a tre livelli fra natura, relazioni sociali e interiorità soggettiva… Cosa rimane?


Ecco le risposte alla Montagna Morta:

– la sig.ra Vanda Bonardo (presidente@legambientepiemonte.it) mi ha scritto con mail il 15 dicembre scorso: “…cercheremo di comprendere qualcosa in più.”  dopo che mi ha richiesto qualche ulteriore informazione sul progetto. Questi sono i link che le ho inviato (tutto quello che sono riuscito a trovare sul web):

1. B.U. n.37: www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2007/37/annunci/00000054.htm (vedere punto 5 – derivazione acqua Chialamberto, Clear Energy);

2. B.U. n.26: www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2005/26/annunci/00000096.htm;

3. sig. Massimo Pascale, anno 2006 (è il curriculum vitae trovato su internet): rilevamenti sull’ittiofauna e stesura della parte biologica del monitoraggio previsto dal V.I.A. relativo alla costruzione di un impianto idroelettrico sui torrenti Vassola e rio della Paglia e a Chialamberto. Great Siste.

Piano_di VassolaIl Direttore di CIPRA Italia, sig. Francesco Pastorelli (francesco.pastorelli@cipra.org), mi ha scritto il 16 dicembre scorso: “La ringraziamo per la segnalazione che giro agli amici di Pro Natura competenti territorialmente per quella zona. Vedremo insieme cosa si può fare.” .

Ho inviato oggi una mail a Pro Natura, girando la mail del Direttore di CIPRA Italia, non avendo avuto ancora nessuna notizia.

Anche il sig. Paolo Rumiz mi ha risposto chiedendomi dove poter leggere “La montagna morta“. Ho pensato che avesse avuto dei problemi nel link inserito nella mia mail. Gli ho così di nuovo scritto il 17 dicembre inviandogli la pagina del post e il link. Non ho più avuto delle risposte, ma ritengo che sia stato occupato dagli impegni lavorativi avendo pubblicato recentemente, su “La Repubblica”, l’articolo sui pastori delle renne. Oggi gli ho inviato una nuova mail.

Torrente Vassola

Una mail l’ho anche spedita al sig. Massimo Strumia (massimo.strumia@fly-soft.it socio dell’Associazione www.Pipam.org) che ha scritto sul Vallone di Vassola a proposito della passione della pesca a mosca. Ecco la sua mail del 20 dicembre scorso: “Mi trova perfettamente d’accordo con l’estrema gravità del progetto. Le notizie in mio possesso mi dicono che il Comune non ha ancora accettato (e non dovrebbe farlo) il piano ma potrebbero essere sbagliate e, in ogni caso, la situazione è delicata. Io posso sicuramente organizzare una raccolta di firme e di mail di protesta (da inviare al Comune di Chialamberto) attraverso il sito di pescatori a mosca Pipam e probabilmente anche mediante altri canali. Se ritiene che si possa procedere a qualche azione congiunta me lo faccia sapere. Vado in villeggiatura a Chialamberto da quarant’anni e il Vallone Vassola è una delle mie zone preferite.”

sguardoHo chiesto cortesemente al sig. Strumia eventuali indirizzi del Comune di Chialamberto (in rete non si trova praticamente nulla… datemi suggerimenti in merito se potete). Sarebbe molto importante attivarci in questo senso, cercando almeno inizialmente di avere una risposta sul progetto (a che punto si trova?).

Ho scritto anche una mail alla redazione del bimestrale Panorami (panorami@libero.it). Non ho avuto alcuna risposta al momento. Non sono molto ottimista perché già in passato, in merito al proliferare di strade sterrate nelle vallate alpine, non ricevetti alcuna risposta. Ho pensato che forse mandare un fax (011-745.965) o chiamare direttamente la redazione (011-771.60.35) potrà far scaturire qualche risposta. Ci proverò il prossimo anno, se nel frattempo non giungeranno notizie in merito.

Non si dice che: “Domandare è lecito, rispondere è cortesia“?

Non  potevo certo mancare di chiedere notizie anche al CAI Piemonte: in questa vicenda credo che sia importante che il CAI nel suo insieme, in questo caso l’organo che rappresenta le 81 sezioni CAI del Piemonte, si attivi quantomeno per avere qualche informazione in merito. Questo, a mio modesto parere, è molto importante perché a seguito del 98° Congresso Nazionale del CAI è stata deliberata una mozione in merito alla “centralità” dell’impegno che il CAI deve assumere sulle tematiche di difesa ambientale della montagna.

La montagna ha bisogno del nostro sguardo, quello dell’eroe dai trecentomila volti.

by Beppeley

30 Responses to Piano di Vassola (2)

  1. blacksheep77 says:

    ti ammiro per questa battaglia!
    non ti scoraggiare, vai avanti, prima o poi qualche risposta arriverà (e ne hai già ricevute di importanti). a volte anche le piccole zanzare come noi danno fastidio e qualcosa si riesce ad ottenere!!

    Mi piace

  2. Beppeley says:

    Grazie mille! Ho davvero bisogno di incoraggiamenti perché tu lo sai sicuramente meglio di me…questi silenzi sanno di morte…non sono quelli della montagna come quelli invernali che sanno nutrire l’anima. Questi fanno male.
    Grazie ancora.

    Mi piace

  3. gpcastellano says:

    scopro e condivido solo adesso.
    Su attività e vigilanza di questo tipo possiamo parlare e fare. Ti contatto presto
    gp

    Mi piace

  4. utente anonimo says:

    sono stata pochi giorni fa in zona e le notizie ufficiose anche se credo attendibili sono di un progetto di “vasca di accumulo acqua” della portatata di circa 10-12.000 litri cioè larga m.40x80profonda 4, da collocare nel piano della Vassola.
    Tale vasca di accumulo per permettere che si riempia di notte e venga scaricata di giorno quando l’energia ha un valore maggiore.
    Chi conosce il luogo può immaginare quale devastazione ciò rappresenti.
    Sono necessari interventi competenti e autorevoli per evitare uno scempio, ed eventuali proposte altenative affinchè, se c’è una risorsa possa andare a beneficio e non al discapito del territorio, usandola con giudizio e rispetto di ciò che c’è, di ciò che c’è stato e per chi ci sarà.

    Mi piace

  5. utente anonimo says:

    devo correggere l’informazione precedente: la vasca di accumulo prevista è di 10-12.000 METRICUBI.
    scusate l’imprecisione.

    Mi piace

    • Beppeley says:

      Grazie utente anonimo. E’ la prima informazione che abbiamo in merito al Piano di Vassola dopo l’articolo comparso sul bimestrale Panorami all’inizio del 2008. Grazie.
      Beppeley

      Mi piace

  6. utente anonimo says:

    http://www.regione.piemonte.it/governo/bollettino/abbonati/2007/37/annunci/00000054.htm, Su questo link, ho visto che la diga (o vasca di accumulo interrata?) verrà realizzata da CLEAR ENERGY di Mondovi’. Io sulla rete non ho trovato nulla di questa ditta. Ma siamo sicuri che esista? Nemmeno su pagine bianche o gialle non si trova nulla! Penso che per poter fare tutto questo lavoro, l’impresa dovrebbe essere piuttosto grande. Se qualcuno ha notizie su questa ditta lo segnali.

    Grazie! (e state vigili!)

    Mi piace

  7. utente anonimo says:

    Ciao a tutti, vi ringrazio per quello che fate e sopratutto per QUELLO CHE SIETE.
    Io sono un appassionato dei vostri posti…. valli di Lanzo, Chialamberto, poi seconda stella a destra, e avanti fino al mattino, per trovare VERAMENTE l’isola che non c’è.
    Io non sono uno “scarpinatore” come Voi, baldi giovanotti…..la mia ètà che ha superato i 40, e il sovrappeso, che ha superato i 40 di troppo, non mi concedono di andare oltre la “Russa” od il “Vailet”.
    Però quella volta che mi è capitato di vedere la Vassola, dall’alto, da S.Barnè, non lo dimenticherò mai.
    Io sto insegnando ai miei figli ad amare la montagna in generale, e la Vassola in particolare…….

    grazie che la difendete!

    Un appassionato.

    Mi piace

  8. utente anonimo says:

    Ho fatto una breve ricerca.
    CLEAR ENERGY
    TURBO ALPI
    ECA
    Non compaiono nel web, eppure dovrebbero essere discretamente importanti, per essere i proponenti di lavori così imponenti, eppure……
    ormai sono curioso anch’io, chi trova qualcosa lo posti…

    Mi piace

  9. gpcastellano says:

    Grazie a chi ha postato il link al bollettino regionale. Faccio una ricerca per quanto riguarda la clear energy e pongo una domanda: si conosce l’esito della valutazione? i 90 giorni dovrebbero essere già trascorsi. Purtroppo la data per la presentazione di osservazioni sembrerebbe ormai “andata”.
    Per la cronaca, da tale derivazione si potranno captare fino a 140 litri/secondo, se non mi sbaglio.

    Mi piace

  10. utente anonimo says:

    una richiesta
    Che origine geologica ha il Vallone Vassola?

    (urgente!)

    GRAZIE!

    Mi piace

  11. utente anonimo says:

    Un’altra richiesta, come posso avere indirizzi privati di:
    johon Deere
    gp castellano
    beppeley
    blacksheep77
    ometto83
    se potete metterli nel blog, vi passo un paio di info

    grazie!

    Mi piace

  12. utente anonimo says:

    All’Utente Anonimo: puoi mandare messaggi privati cliccando sulla piccola icona rappresentata da una busta (l’icona la trovi a destra delle foto dei blogger: se ci passi il puntatore del mouse sopra compare la scritta “contattami”).

    Mi piace

  13. utente anonimo says:

    @utenteanonimo: le mail di splinder sono così composte:
    nomeblogger@splinder.com

    Mi piace

  14. ometto83 says:

    Ciao utente anonimo,
    come ti hanno risposto basta cliccare sull’icona con la busta da lettere per mandare un messaggio personale…nel frattempo, perchè non inizi a firmare i tuoi post? Così iniziamo a conoscerci, e dopotutto non c’è nulla di male, esponiamo solo le nostre idee e opinioni…
    Franz

    Mi piace

  15. Beppeley says:

    Origine geologica Val Grande di Lanzo: secondo quanto riportato da Aldo Chiariglione: “Le Valli di Lanzo” guida naturalistica (CIERRE edizioni): “…una discreta porzione della Valle Grande è formata dalle propaggini meridionali del Massiccio cristallino dominato dal Gran Paradiso. In particolare, a tale formazione appartengono anche i rilievi della parete terminale della valle, tra il Colle di Sea e la Levanna Orientale, così come la dorsale nord, tra la Levanna Orientale e il Passo del Bojret…qui predominano rocce più ricche in silice (“acide”): gneiss diversi (in prevalenza orotgneiss, con paragneiss – relitti di rocce più antiche – e gneiss milonitici nelle zone di laminazione)”.

    La mia mail: Beppeley@splinder.com (come ha fatto notare un anonimo)

    Mi piace

  16. Beppeley says:

    @rok64: ma davvero sei nato il 16 di settembre? Davvero vivi in provincia di Padova ed hai origini in quella meravigliosa opera di Dio che è Vonzo? Conferma tutto per cortesia! E dicci come sei capitato fra noi camosci!
    Cari saluti!

    Mi piace

    • rok64 says:

      sono 40 anni che vado almeno una volta all’anno alla Vassola e l’ho sempre considerato il posto più bello del mondo pur non conoscendo altre “montagne”. Scopro che forse lo è veramente, non voglio che lo rovinino, nemmeno per tutto l’oro del mondo, ma quanto potrà poi rendere quest’opera?

      Mi piace

  17. rok64 says:

    C’era una volta, tanto tempo fa, come in una favola, una nonna che, con la nipotina, andava a tagliare l’erba con la “mussoira” nei posti più impervi, dove le mucche e le pecore non arrivavano a brucare. Alla sera, dopo tante ore, ne avevano raccolto un po, da dare alle pecore.
    Questa bambina è mia mamma, e quando sono a Vonzo, ci penso, e c’è da commuoversi solo al pensiero, di cosa facevano, per vivere.
    Forse è un’utopia, ma vorrei veramente che i miei figli possano raccontare ai miei nipoti queste “storie vissute” in una realtà che non venga stravolta dall’uomo.
    Venite con me con il pensiero….., l’inverno scorso ero con i miei bimbi che stavano giocando in un prato poco sopra Vonzo, ad un tratto dal bosco sono usciti due caprioli che giocavano, saltellando contenti……, vedono i miei due cuccioli….e sono rientrati lentamente nel bosco sempre saltellando spensierati, facendo “scrocchiare” le foglie di faggio sotto i garretti. Vi prego ….chiudete gli occhi e immaginate la scena……
    per questo e molto altro, spero che “quella meravigliosa opera di Dio” che è Vonzo E DINTORNI, resti così.
    Grazie a “il risveglio” anche a 450 km di distanza possiamo essere informati di quelle fantastiche vallate, e di conoscere anche quella strana razza, spero non in via di estinzione, che sono “I CAMOSCI BIANCHI”

    Mi piace

    • gpcastellano says:

      Dal numero di agosto/settembre della rivista delle montagna (che ho iniziato a sfogliare solo oggi – no comment): pare che la Regione PIemonte abbia sospeso i finanziamenti ai progetti di centraline idroelettriche e opere collegate, che avevano intasato le Provincie per le pratiche di VIA. Chissà che non ne derivi una scrematura di progetti ed idee “avventurose”.
      gpcastellano

      Mi piace

  18. Beppeley says:

    @gpcastellano: ho anche io il n° di agosto/settembre della RdM. Mi dici per cortesia il n. di pagina dove trovo la notizia di cui parli?
    Grazie.

    Mi piace

  19. gpcastellano says:

    E’ un trafiletto nelle prime pagine, sotto la rubrica “notizie dalla montagna”. Non più di 20 righe. Stasera cercherò di essere più preciso.

    Mi piace

  20. Pingback: Sentieri persi, sentieri ritrovati… sentieri dimenticati? | camoscibianchi

  21. Pingback: Vassola Bianco | camoscibianchi

  22. Pingback: Lo smantellamento del paesaggio – Piano di Vassola (3) | camoscibianchi

  23. Pingback: La Carovana delle Alpi | camoscibianchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: