L’uomo del giardino di cristallo

In fondo, una delle realtà essenziali dell’alpinismo è che non ha in se nessun scopo utilitaristico. E’ come l’acqua di fonte che sgorga nei monti, dentro non vi è nulla, non ha colore, ma è questa la sua bellezza e la sua forza irresistibile…

Gian Carlo Grassi


La Scuola Nazionale di Alpinismo Gervasutti in occasione del suo 60°anniversario ed il Club Alpino Accademico  hanno presentano l’11 febbraio 2009, in anteprima nazionale, il filmato “Gian Carlo Grassi l’uomo del giardino di cristallo“.

Gian Carlo Grassi (Condove 1946 – Monti Sibillini aprile 1991)

Prima accademico e poi guida alpina (il CAAI prevede le dimissioni del socio che trae, dall’attività alpinistica, una prevalente fonte di guadagno). Esponente di punta dell’alpinismo torinese, aprì un gran numero di vie nuove di elevata difficoltà. Specialista di livello mondiale dell’arrampicata su ghiaccio, nel suo eccezionale curriculum spiccano le prime salite sull’Ypercouloir sul versante Sud delle Grandes Jorasses e del seracco sospeso al Couloir Sud-est del Col Maudit, sul Monte Bianco. Nelle Valli di Lanzo, che frequentò a lungo, villeggiando con la famiglia, nella Val Grande, a Campo di Pietra di Groscavallo, fece una messe di prime ascensioni; di rilievo particolare ricordiamo: nel 1966 l’Albaron di Sea per la parete Nord e la Punta Rossa di Sea per la parete Nord; nel 1979 il Couloir Est del Dome del Mulinet. Grande amico di Gian Piero Motti, ne condivise le idee sulla ricerca nell’arrampicata nel fondovalle; nella metà degli anni ’80 del 1900, esplorò a lungo il Vallone di Sea, nell’alta Val Grande, aprendo una miriade di nuove vie sulle pareti laterali e ne raccolse gli itinerari alpinistici in un volume che intitolò: “Sogno di Sea“, 1987.

Notizie biografiche tratte dal libro: “Lassù sulle montagne” Vette, alpinisti, guide e rifugi delle Valli di Lanzo. A cura di Giovanni Gugliermetti e Claudio Santacroce – Editrice il Punto.

by Beppeley

4 Responses to L’uomo del giardino di cristallo

  1. JohnDeere says:

    Bella descrizione dell’alpinismo!
    In effetti quando mi chiedono sull’andare in montagna penso sempre: “Se non sei mai stato lassù non puoi capire!”
    Sulla Margherita ho pianto di commozione come un disperato!

  2. lichene1 says:

    Anche io ho avuto pensieri simili leggendo questa frase l’altro giorno; sembra riprendere una filosofia zen. L’andar per i monti senza uno scopo utilitaristico, ma solo per il benessere che quell’azione esercita in noi.

    Io comunque andrò alla serata…per chi verrà ci vediamo lì!
    andrea

  3. Beppeley says:

    Come potete leggere, ho aggiornato il post con le notizie biografiche del grande alpinista.
    Excelsior!

  4. utente anonimo says:

    Gian Carlo è stato una persona spettacolare aprendo vie di ghiaccio veramente belle!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: