Orridi, orrori e meraviglie

Sentiero degli OrridiA metà novembre abbiamo partecipato all’aggiornamento per gli Operatori della Commissione Tutela Ambiente Montano del CAI della Regione Piemonte. Gli argomenti sono stati tutti molto interessanti e trattati davvero con grande compentenza dai vari relatori che ci hanno raccontato aspetti e temi inerenti l’ambiente alpino. Sabato 14, al mattino, nella foresteria della Certosa di Montebenedetto, situata nel Parco Naturale Orsiera Rocciavré, abbiamo ascoltato la lezione molto illuminante di Marco Manzone sul bosco e la sua gestione mentre nel pomeriggio abbiamo effettuato la bellissima uscita alla scoperta delle valenze naturalistiche del Parco Naturale Orsiera Rocciavré con la bravissima guida Mario Cavallo. Dopo la presentazione dell’escursione di domenica, a cura di Lodovico Marchisio, abbiamo avuto l’occasione, più unica che rara, di fare un’escursione notturna in assenza di illuminazione per scoprire quali percezioni si innescano quando i nostri sensi non sono più coaudiuvati dalla vista. Anche senza l’uso delle pile frontali, abbiamo compreso che è ancora possibile procedere lungo il sentiero senza particolari difficoltà.

orridi, orrori e meraviglie slideshow

E’ stata un’esperienza molto emozionante dal momento che, nella nostra vita di tutti giorni, immersi come siamo nella nostra civiltà iperilluminata, non abbiamo più alcuna relazione con la dimensione notturna intesa come ambiente naturale privo di qualsiasi fonte di illuminazione artificiale. Stupefacente è stato anche il bisogno di comunicare con gli altri escursionisti come se sgorgasse dalla nostra anima un’esigenza ancestrale, un desiderio naturale di fare comunità.

Domenica 15, sempre in Val di Susa, abbiamo visitato l’Orrido di Chianocco, nella omonima Riserva e poi siamo partiti per navigare lungo l’entusiasmante Sentiero degli Orridi accompagnati dalla guida Mario Cavallo e da Lodovico Marchisio. Purtroppo questo tracciato è rinchiuso nel dimenticatoio dagli amministratori locali che non manifestano alcun interesse per  continuare a curare la segnaletica e la manutenzione. Un problema che putroppo riguarda molti altri sentieri: li si progetta, li si crea, vengono posati cartelli, bacheche e segnaletica varia e poi tutto finisce nell’oblio, come se un sentiero nel tempo non avesse più bisogno di cure. Non è certo un bel modo di destinare le risorse pubbliche per la tutela e la frequentazione della montagna. Per favorire l’escursionismo è necessario curare costantemente i sentieri perché in caso contrario  verranno inesorabilmente abbandonati in quanto sempre più difficili da percorrere, vuoi per l’invadenza della vegetazione, vuoi per la graduale scomparsa della segnaletica a causa dei fenomeni atmosferici (e in certi casi anche a causa dei noti fenomeni umani).

Terminata l’escursione, abbiamo ascoltato l’interessantissima lezione di Marco Manzone sulle praterie di alta montagna.

Bravo Marco, bravo Mario, bravo Lodovico. Un grosso ringraziamento alla Commissione uscente della TAM Piemonte che ha saputo organizzare un week end davvero remunerativo in termini di conoscenza del nostro patrimonio alpino.


Qui trovate l’articolo di Luisa Maletto, giornalista di Luna Nuova, che ha partecipato all’escursione di domenica lungo il Sentiero degli Orridi.

Beppeley

6 Responses to Orridi, orrori e meraviglie

  1. blacksheep77 says:

    consiglio chianocco anche in primavera, ci sono tra le più belle fioriture di orchidee che io abbia mai visto in piemonte, langhe a parte.
    che dite, si combina per il mese di maggio? 😉

    "Mi piace"

  2. gpcastellano says:

    Tempo fa sono salito da Foresto alla Ciarmetta, e di lì ridisceso a Falcemagna per ritornare a Foresto lungo il sentiero degli orridi. Gran bel giro in ambiente aperto e severo. Purtroppo confermo le parole di beppeley: il sentiero degli orridi è abbandonato, non segnalato, evanescente e sfregiato da una carrareccia che lo interseca in più punti.
    Mantenere è più difficile e meno appariscente che inaugurare…

    Cambio argomento: ci vediamo domenica 6 per il compleanno?

    "Mi piace"

  3. serpillo says:

    Mi unisco al pensiero di Beppeley.

    @ certo blacksheep, a maggio a "caccia" di orchidee! Proposta accettata.

    @ gp: certo che si festeggia; volevamo solo capire un po’ di piu’ il tempo…

    Serpillo

    "Mi piace"

  4. marcopolacco says:

    Leggendo la meraviglia che e’ nata durante un’escursione notturna resto a riflettere su quanto sta cambiando la vita dell’uomo.
    Su quanto si sia ormai in direzione di una omogeneizzazione culturale e comportamentale. La diffusopoli Torino Trieste ha tolto la luce anche alle stelle, chi cammina non esce dal cono di luce di un lampione e temo che pochi non si sentano smarriti trovandosi fuori dalle luminarie stradal-cittadine.
    L’uomo cosi’ dominatore del mondo da non essere piu’ sicuro di stare in piedi nel grigioperla lunare. Cosi’ padrone di tutto da aver bisogno della luce artificiale per nascondere di aver perso la liberta’ di vivere il suo mondo. cosi’ saccente nelle sue scienze da non saper contare sui suoi sensi per tornare verso se stesso. 

    Mi chiedo quale sia il limite della ragionevolezza oltre cui il tanto che abbiamo diventa troppo. Quando il possesso di tutto e subito rammollisce anziche’ agevolare la vita. Un invisibile confine che hanno valicato quasi tutti, e che non sara’ facilmente percorso a ritroso, perche’ questi tutti non sanno cosa hanno perso nell’illusione della loro felicita’ illusoria, al punto da rinnegare quello che di genuino c’era prima.

    Talvolta mi viene da pensare a cosa sia meglio o peggio, magari quando sei fuori nella notte a cercare se qualche vacca sta figliando, con qualsiasi tempo, poi ti siedi, guardi giu’ nel piano le macchine che corrono, metti in bocca un fil d’erba, guardi il cielo. E sei in sintonia col mondo. 

    "Mi piace"

  5. Beppeley says:

    Grande Marco! Grazie per essere qui. Mi dai lo spunto per aggiungere alcune cose incredibili che ho provato a camminare nel buio. Intanto era pazzesco sentire i piedi così sensibili che trasmettevano una miriade di informazioni che non sento quando c’è la luce. Inoltre è stato molto emozionante scoprire che si aveva bisogno di comunicare con gli altri. Cosa che non capita quando c’è la luce e siamo tutti presi dai nostri pensieri. Questo ci ha fatto pensare alle veglie dei montanari che trascorrevano interi mesi negli alpeggi.

    Mi sono chiesto: "Ma cosa capita a questi poveri nostri occhi quando vengono bombardati tutti i giorni da mille stimoli visivi?".  Pensiamo solo alla tv con le sue immagine rapidissime che fanno muovere velcemente i nostri occhi alla ricerca di chissà che cosa..

    Nel buio così intenso, (anche se comunque si osservavano nel cielo, sopra le montagne, gli aloni rossastri della civiltà), ho sentito finalmente i miei occhi rilassarsi, senza dover subire stimoli invadenti ed aggressivi. E, cosa straordinaria, sentivo il forte desiderio di parlare con chi era accanto a me.

    Davvero un’esperienza da ripetere.

    Ho appena finito di postare e scopro che nel mentre tu hai scritto:

    "…poi ti siedi, guardi giu’ nel piano le macchine che corrono, metti in bocca un fil d’erba, guardi il cielo. E sei in sintonia col mondo."

    ….TU SEI COLUI CHE OSSERVA IL RESPIRO… 

    L’ho messo nel mio ultimo post : Il respiro della montagna mentre probabilmente tu stavi commentando…

    "Mi piace"

  6. serpillo says:

    A proposito di sentieri ideati e poi abbandonati segnalo questa iniziativa di recupero della Via Francigena  
    http://www.governo.it/GovernoInforma/Dossier/via_francigena/

    Lo stare in mezzo alla natura ed il camminare mi crea un senso di benessere ed i miei affanni quotidiani vengono visti sotto un’altra luce e spesse volte trovo persino la soluzione!

    Serpillo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: