Con la bionda di montagna…

il gusto ci guadagna ?

Speriamo!

In questa nostra epoca di pericolosi e preoccupanti sbandamenti economico-finanziari, pubblico volentieri una bella notizia che mi ha mandato via mail il mio amico Gianni Castagneri, scrittore di libri di cultura alpina e già Sindaco del Comune di Balme.

E’ una “bella” notizia perché fa sperare in un miglioramento delle prospettive economiche di un’area alpina che amo tanto e che purtroppo ha sofferto moltissimo negli ultimi decenni.

E’ nata la “Birra Pian della Mussa!

Ecco l’articolo, pubblicato su “Il Risveglio”, settimanale in edicola da oggi:

http://www.ilrisveglio-online.it/cronaca-bianca/2012/03/21/pian-della-mussa-arriva-la-bionda-di-montagna

Gianni Castagneri – Balme (TO)

L’articolo del settimanale Il Risveglio lo trovate anche qui sotto.

BALME — L’acqua, uno dei componenti essenziali per garantire la bontà degli alimenti trasformati, è anche l’elemento principale per la riuscita di una buona birra. A questo hanno pensato Alessio Brero, figlio dei proprietari della “Pian della Mussa”, società che dal 1975 imbottiglia l’acqua balmese, ed Eugenio Venera, responsabile commerciale della stessa, quando hanno deciso di mettere in piedi un’insolita produzione: «Nel mercato delle acque occorre essere innovativi e da tempo stavamo pensando ad un’iniziativa capace di accompagnare e rafforzare il nostro prodotto principale con altre bevande di prestigio. Dall’efficace incontro con i titolari del birrificio Gilac di Valdellatorre, che già produce la birra biologica distribuita nei nostri supermercati Biobottega, è nata l’idea di realizzare un nuovo articolo che, dal connubio tra l’acqua limpida e pura di Balme ed un’originale ricetta studiata appositamente, desse vita alla “Birra Pian della Mussa”. Si tratta di una birra naturale cruda, non pastorizzata, prodotta artigianalmente con materie prime di qualità. A differenza di quanto avviene per quelle industriali, la nostra birra è viva, rifermenta in bottiglia, con il vantaggio di avere un minore contenuto di anidride carbonica e risultando quindi più digeribile». Quella che è stata definita “la bionda di montagna” viene già veicolata nel settore biologico, in bottiglie da 33 cl o da mezzo litro, ma si stanno selezionando i distributori per offrire una capillare diffusione locale. «Del resto – dicono i promotori – è a tutti gli effetti un prodotto del territorio, del quale vuole rappresentare un valore aggiunto. La linea estetica dell’etichetta riprende quella applicata sulle bottiglie dell’acqua minerale, disegnata dal compianto Dovilio Brero». La birra balmese ha una scadenza a dieci mesi e per il momento è concepita nella sola versione chiara, giungendo al consumatore finale dopo un processo di produzione che dura un mese e mezzo. Alessio Brero, appassionato di birra, ha frequentato anche dei corsi in merito e si è fatto una cultura visitando i grandi stabilimenti che producono i marchi più conosciuti. Egli afferma: «La birra in Italia è nata a metà Ottocento proprio a Torino. Noi ci siamo affidati a Gilac che è annoverato tra i migliori birrifici artigianali a livello nazionale e, se il prodotto avrà successo, non escludiamo di escogitare assieme nuove produzioni. Nel nostro paese, specialmente al nord, il mercato della birra artigianale si è molto sviluppato e, per quanto ci si rivolga ad un settore di nicchia, esistono gli spazi per poter  posizionare il nostro marchio». La mente fertile di Brero e Venera non si ferma qui ed è già attiva sugli altri fronti di quello che chiamano il “mondo acqua”: «Stiamo analizzando la fattibilità di nuove iniziative che siano attinenti alla realtà della nostra sorgente, a partire dai succhi di frutta, le bibite, gli elisir, per giungere a quello che sarebbe davvero un  progetto innovativo: la creazione di una particolare linea cosmetica. A base d’acqua, naturalmente!».

Dal settimanale Il Risveglio (21 marzo 2012)

6 pensieri su “Con la bionda di montagna…

  1. serpillo1

    …Mi raccomando non esagerate nel bere 😉
    La cultura del limite, cosi’ connaturata nelle genti di montagna, in questo caso e’ quantomai apprezzata!

    "Mi piace"

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.