4 settimane a 3000 metri

La foto del 20 giugno del ghiacciaio Ciardoney (Alpi Graie, Piemonte)…

Ghiacciao Ciardoney 22.06.2012

Il ghiacciao Ciardoney a 2850 metri di quota – webcam del 20 giugno 2012

… e quella del 21 luglio:

Il ghiacciao Ciardoney a 2850 metri di quota – webcam del 21 luglio 2012

Come da tempo ci spiegano i climatologi, l’ambiente dell’alta quota è un ottimo rilevatore dei cambiamenti climatici in atto. “Vedere per credere“, adesso si può, anche senza essere provetti alpinisti ma stando comodamente seduti davanti al pc.

In pianura c’è l’afa, qualche corso d’acqua che soffre e condizionatori a gogò. In montagna spariscono i ghiacciai e la vegetazione alpina emigra verso quote superiori.

E la fauna alpina? Come risponderà a tali mutamenti ?

E l’uomo?

www.nimbus.it/moncalieri/ciardoney/ciardoney.asp

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

3 Responses to 4 settimane a 3000 metri

  1. popof1955 says:

    Durante una chiacchierata tra amici, notavamo come il toponimo Forni sia molto diffuso sulle Alpi, dal Piemonte al Friuli, e come questo indicasse che in tempi non lontani, che questi piccoli agglomerati di case, oggi circondati da terra e pietre, fossero a ridosso di bocche terminali di ghiacciai dette forni, da cui il nome. Lo ricordava un alpinista che oggi ha 82 anni, confrontando i suoi ricordi di ragazzo.

    Mi piace

    • Beppeley says:

      E’ molto curioso ed interessante quello che mi dici… Sei sicuro? Mi sai dare indicazioni di qualche villaggio che si chiama così?

      Nelle Valli di Lanzo ci sono molte borgate e villaggi che si chiamano “Forno”.

      Es.: Forno Alpi Graie (ultimo villaggio della Val Grande di Lanzo), oppure Forno di Lemie in Val di Viù… ma in questo caso si fa riferimento al fatto che in quelle zone venivano lavorati i metalli estratti nelle miniere delle montagne (l’attività mineraria nelle Valli di Lanzo è stata molto sviluppata ed è stata determinante nella nascita di nuovi insediamenti; alcuni villaggi sono stati proprio fondati da minatori (molti dei quali erano bergamaschi)).

      Mi piace

  2. serpillo1 says:

    Sia l’uomo che la natura si evolvono lentamente. L’unica differenza e’ che l’uomo puo’ usare l’esperienza ed il proprio intelletto a favore di vita meno grama…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: