No Web? No meteo

Bollettino Meteo Arpa Piemonte

Il bollettino meteo giornaliero non è più diffuso via telefono

La risposta via mail da parte dell’Arpa Piemonte (relativa al post “C’è nessunoooooo?“)  giunge con tempismo stupefacente ed è molto sconfortante. A questo punto possiamo anche chiederci, giusto per riprendere il titolo del post precedente, se aumentando la tecnologia diminuisca anche il buon senso, oltre all’umanità.

Ecco la risposta dell’Arpa Piemonte (il grassetto è mio):

Gentile utente,

in effetti il servizio è stato interrotto da un paio di mesi.

Tutte le informazioni prodotte da Arpa Piemonte vengono comunicate principalmente via web.

Dal sito ufficiale di Arpa Piemonte può visionare e scaricare tutti i bollettini prodotti giornalmente al link: http://www.arpa.piemonte.it/bollettini

L’eliminazione della linea telefonica dedicata alla lettura del bollettini, così come le pagine del televideo regionale, è stata imposta da scelte che mirano ad ottimizzare le risorse, ormai sempre più scarse, a nostra disposizione.

La ringraziamo per l’attenzione e la stima che ci ha dimostrato.

Distinti Saluti.

ARPA PIEMONTE

Dipartimento Sistemi Previsionali

Via Pio VII, 9 – 10035 Torino

tel. 011 19681340 (martedì e giovedì dalle 9:00 alle 13:00)

fax 011 19681341

e-mail info.meteo@arpa.piemonte.it

Ma davvero dobbiamo rassegnarci ad avere sempre ed ovunque il Web a portata di mano per avere gli aggiornamenti meteo e valanghe?

Coloro che hanno deciso per la riduzione delle risorse all’Arpa Piemonte, sanno che in molte zone alpine la possibilità di accedere ad Internet con la chiavetta è praticamente impossibile, visto la lentezza delle connessioni (ho provato quest’estate in Val d’Ala, in provincia di Torino: per fare il download del bollettino meteo ci vogliono diversi minuti, fatto questo che rende inutile spendere dei soldi per una chiavetta internet)?

Oltre a questo problema, forse bisognerebbe anche tener presente che non tutti hanno a disposizione notebook, iPad, iPhone, tablet e altre diavolerie tecnologiche parecchio costose.

E poi, al di là di tutto, perché obbligare ad avere una chiavetta per informarsi sulle previsioni meteo e/o valanghe visto che oramai tutti quanti abbiamo un cellulare, e visto che oramai la copertura della rete è molto estesa? Non era importante mantenere comunque un semplice servizio telefonico?

D’accordo, capisco i problemi finanziari con il loro seguito di tagli vari ai budget. Ma in fin dei conti quel servizio (di rilevante pubblica utilità) comunque aveva un costo corrispondente all’addebito degli scatti telefonici. Se non bastava, perché non mantenere comunque tale servizio aumentando la tariffa (come succede per certi servizi telefonici)? Davvero l’unica soluzione era quella di tagliare e basta?

tempo instabile

Appena partiti per il Tour della Bessanese (trekking di alcuni giorni) ai primi d’agosto 2009: una bellissima esperienza umana riuscita anche grazie al meteo Arpa Piemonte consultato telefonicamente solo qualche ora prima.

Personalmente quel servizio l’ho usato molte volte è l’ho sempre trovato molto utile ed importante. Telefonicamente si poteva disporre di:

1. aggiornamenti meteo giornalieri anche durante le festività (quelli meteo sono emessi entro le ore 14.00);

2. previsioni già per il pomeriggio e per i due giorni successivi (pensate a quanto possa essere importante per la programmazione di uscite in montagna);

3. aggiornamenti sul rischio valanghe e condizioni del manto nevoso (tre volte alla settimana: lunedì, mercoledì e venerdì).

Vorrei sapere che senso ha avere un servizio meteo così aggiornato ma con ostacoli alla sua fruizione. Soprattutto se pensiamo che una telefonata nelle valli alpine si riesce a fare generalmente senza grossi problemi, mentre agganciarsi ad una connessione veloce per dati Internet sovente è impossibile.

Bollettino Valanghe Arpa Piemonte

Anche il bollettino valanghe non è più consultabile con una semplice telefonata

Se hai il Web a portata di mano potrai essere informato (magari con un po’ di pazienza per scaricare i bollettino in pdf). Se no ti attacchi.

Lo ripeto, personalmente sarei disposto a pagare qualcosa in più per accedere ad un servizio che oggi sta diventando sempre più importante, non solo a fini turistici, ma anche e soprattutto per evitare di trovarsi in condizioni critiche (pensiamo a quando dobbiamo metterci alla guida con previsioni di fenomeni meteo particolarmente violenti oppure quando vogliamo decidere se fare o meno un’uscita in montagna) visto, tra l’altro, che gli eventi climatici devastanti negli ultimi anni si propongono sempre con maggior frequenza.

E poi, ogni tanto, pensiamo anche a chi vive nelle valli, chi lavora negli alpeggi o in ambienti dove l’accesso alla tecnologia non è così semplice, funzionale ed immediata.

…ombrello chiuso grazie al bollettino meteo…

Il servizio telefonico dell’Arpa Piemonte l’avevo scoperto grazie alle brillanti ed intelligenti lezioni su neve e valanghe che l’amico Pier Luigi Mussa – molto attento nel divulgare la prevenzione degli incidenti nella frequentazione della montagna –  teneva al CAI di Lanzo (qui il post per saperne di più).

Non si fa mai abbastanza per la sicurezza. Togliere quel servizio non favorirà di certo un approccio responsabile e sensibile alle tematiche della conoscenza della montagna, intese anche dal punto di vista della comprensione e conoscenza dei fenomeni atmosferici.

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

4 Responses to No Web? No meteo

  1. paologiac says:

    Le tue domande perfettamente legittime, sono tuttavia inutili in questo momento storico. Ormai anche tutto quello che era servizio pubblico, e quindi esente dalla necessità di produrre un guadagno in denaro, deve fare i conti con esigenze di bilancio che obbligano al pareggio anche le attività di servizio alla comunità. Ancora più grave di quello che lamenti è quanto sta succedendo alla sanità pubblica, e li si gioca davvero con la salute e la vita delle persone.
    Oltre al problema economico che porta a queste scelte, c’è anche la corsa a seguire ad occhi chiusi l’evoluzione tecnologica: se non hai uno smart-phone non sei nessuno! Si da per scontato che tutti ce l’abbiano. Pensa a quello che è successo qualche anno fa con l’eliminazione delle cabine telefoniche.

    • Beppeley says:

      Potevano mantenere il servizio telefonico facendo pagare qualcosa in più, come, ad esempio, quei serivizi telefonici a cui chiedere numeri di telefono, info varie, ecc…

      In fin dei conti non era neanche molto conosciuto quel servizio.

  2. serpillo1 says:

    Mi piaceva questo servizio meteo web e lo consultato anche io. Peccato…

  3. Pingback: no web? no meteo | #semendì

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: