Sopra la città, sotto la montagna

Sopra la città, sotto la montagnaSegnalo un interessante incontro culturale che si terrà giovedì 31 gennaio a Cirié (To), alle ore 21 presso La Soce Arci di Via Matteotti n. 16 (cortile interno).

Sopra la città, sotto la montagna (una produzione Hikers in doc)

Come interagire oggi con la montagna? Non è comoda da vivere, il tessuto socio economico è debole e la città diventa una risorsa irrinunciabile. I giovani se ne vanno, le aziende chiudono, le feste muoiono. Restano le case senza inquilini, il turismo del pic-nic, i motociclisti di passaggio e gli sportivi. Per un territorio che in passato vantava i passaggi di D’Annunzio e l’attenzione di Nietzsche, scuole vive e aziende di successo, non è un destino facile da accettare. Le Valli di Lanzo soffrono questa decadenza da anni, eppure oggi puntano su una nuova rinascita, con piccole ma continue speranze di ripopolamento: il ritorno è cominciato, in un modo tutto contemporaneo.

“Sopra la città, sotto la montagna”. È questo il luogo, o meglio il non-luogo, che il progetto video va a esplorare. Una città, Torino, al piè delle vette Levanna, Ciamarella o Bessanese. Di mezzo, le Valli di Lanzo. Tre storie che ripercorrono la linea ideale della ferrovia Torino-Ceres o del fiume Stura, a seconda dei punti di vista.

Le testimonianze dei ragazzi intervistati restituiscono il racconto di una rinascita possibile, di un nuovo avvicinamento alla Natura, dovuto a prese di coscienza sempre più volte all’ecosostenibilità, all’ambientalismo e al viver sano. Roberta ha 28 anni e vive a Torino da dieci, perfettamente a suo agio nella vita cittadina. Ma appena può, scappa dalla città fumosa e va a trovare Stefania e Andrea, suoi amici neo-apicoltori di Mathi. Federico è cresciuto a Balangero, ma ora, a 24 anni, si è spostato nella vicina Ciriè, che gli garantisce più servizi e lavoro. La città e la montagna esistono per lui come due estremi opposti, a cui dedica il divertimento. Diviso tra la Torino by night e le vette nostrane per free climbing e snowboard, trascorre la maggior parte del tempo nella terra di mezzo. Francesca e Loïc, lei di 29 anni e lui di 27, sono una famiglia: hanno portato i loro bimbi Paul Léon e Giosuè a Lemie, in una baita sotto Pessinea. E ne sono tutti entusiasti. Tra capre, alberi e torrenti, hanno trovato la propria dimensione, avvicinandosi totalmente alla Natura con sensibilità ambientale.

Tre storie arricchite dal contributo di Giuseppe De Matteis, presidente di Dislivelli, l’associazione di Torino che si occupa del territorio alpino attraverso studi sociologici e antropologici, e di Sergio Geninatti Togli, assessore alle Attività Produttive e al Patrimonio di Lanzo e già presidente della Comunità Montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone. Dalle previsioni di ripopolamento al racconto del vecchio e brillante settore industriale, dall’edilizia feroce e abbandonata a una possibile svolta, tracciando il rapporto delle nuove generazioni con il territorio montano.

La colonna sonora è costituita da brani di band emergenti delle Valli di Lanzo (Manosonora) e di Torino (i Cabrones), a testimonianza della sempre ricca scena musicale e artistica delle giovani generazioni locali.

Il video, della durata di 15’28”, è stato realizzato da Hikers in doc, un giovane collettivo di documentaristi delle Valli di Lanzo che offre un tentativo di riscoperta del territorio, non soltanto attraverso la memoria, ma con testimonianze dirette di chi la vive e la rispetta.

INGRESSO GRATUITO CON TESSERA ARCI

______________________________________

Di Francesca e Loïc, e dei loro bimbi, ne aveva parlato il Risveglio lo scorso anno: “Imparare a vivere fra i monti

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

5 Responses to Sopra la città, sotto la montagna

  1. Riccardo says:

    Io penso che passerà ancora molto tempo per una possibile rinascita della montagna.
    I giovani pensano a tutt’altro, hanno altre “priorità” che preferisco non elencare per non farmi due risate amare.
    Non conoscevo la storia di Francesca e Loïc. Mi è venuto subito in mente Il vento fa il suo giro, film di Giorgio Diritti, seppur con notevoli differenze.

    Riccardo

  2. L’ha ribloggato su La Casa delle Dolci Donzellee ha commentato:
    Quella sera è stato portato avanti un dibattito costruttivo e ringraziamo tutti per l’impegno. Se volete il documentario è online su http://www.youtube.com/watch?v=AGqLSJUtu4I
    – Hickers in doc

  3. Quella sera è stato portato avanti un dibattito costruttivo e ringraziamo tutti per l’impegno. Se volete il documentario è online su http://www.youtube.com/watch?v=AGqLSJUtu4I
    – Hickers in doc

  4. Grazie a voi dell’attenzione! Certamente passerà del tempo… Il vento fa il suo giro è davvero su un alt( r)o livello! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: