880 metri alla vetta

virunga

Foto dal sito “www.missioni-africane.org”

Dal WWF una richiesta d’aiuto per fermare il rischio di estinzione dei gorilla di montagna. Di mezzo, tanto per cambiare, c’è il petrolio.

***

880, è questa la stima del numero di gorilla di montagna ancora in vita. Si trovano solo in due zone, a cavallo tra Congo, Uganda e Rwanda: il Parco Nazionale di Bwindi e il Parco Nazionale del Virunga. Aree che sono state dichiarate dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, e che dovrebbero essere protette e tutelate. Invece lo scorso aprile le montagne del Virunga sono state devastate dalla guerra civile.

E così per mesi anche i gorilla si sono trovati tra due fuochi, quelli dei miliziani congolesi e del gruppo di ribelli, che hanno trasformato il parco naturale in un campo di battaglia. Mettendo a rischio la vita dei gorilla e di chi prova tutti i giorni a proteggerli. Oggi, anche grazie all’intervento del WWF, l’emergenza sembra essere lentamente rientrata. Ma le perdite sono state enormi: due ranger sono rimasti uccisi negli scontri, le strade sono state danneggiate, le entrate del parco sono crollate perché visitarlo era diventato troppo pericoloso. Ci resta quindi un territorio ferito, dilaniato e soggetto a sempre nuove minacce. Leggi il resto dell’articolo