Energia idroelettrica

torrente

Mi riaggancio a questo post e presento  il comunicato stampa congiunto di Pro Natura Piemonte e Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta in risposta alla dichiarazione dell’Assessore Regionale dell’Ambiente,  Dott. Roberto Ravello,  di uno “snellimento burocratico” per le concessioni di derivazione per impianti idroelettrici.

—————————————————————————————————————————————————

Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta   Pro Natura Piemonte

Energia idroelettrica

Le Associazioni ambientaliste rispondono all’Assessore Ravello

In data 28 febbraio u.s., l’Assessore regionale all’ambiente, Roberto Ravello, nell’ambito di un convegno dell’APER, ha rilasciato una dichiarazione con cui, pur sottolineando la necessità di contemperare le esigenze della produzione idroelettrica con la qualità dei corpi idrici, ha preannunciato uno “snellimento burocratico” del regolamento regionale per le concessioni di derivazione a scopo di produzione idroelettrica.

Le associazioni ambientaliste apprendono con notevole preoccupazione l’esternazione dell’Assessore Ravello. Infatti, per sua espressa ammissione, il Piemonte conta già sul suo territorio 621 impianti idroelettrici e ben 267 sono le istanze di nuove concessioni di derivazione. Ciò significa che pressoché la totalità dei corsi d’acqua piemontesi con significativa portata sono già stati interessati da derivazioni, che spesso, lo ricordiamo, non essendoci controlli, non rilasciano assolutamente il deflusso minimo vitale previsto, con grave danno per gli ecosistemi fluviali.

Ma, al di là di ciò, ed al di là anche della considerazione, pur essenziale, che questi impianti non sostituiscono ma semplicemente si aggiungono a quelli esistenti che producono da energie non rinnovabili, e quella ancor più rilevante dell’uso che si fa dell’energia prodotta, l’Assessore dovrebbe sapere che, stante il fatto che la stragrande maggioranza degli impianti riguarda corsi d’acqua montani (dove si sfrutta il salto d’acqua per produrre energia), esiste una legge dello stato italiano (L. 50 del 5 aprile 2012), che ratifica i Protocolli di attuazione della Convenzione delle Alpi. Fra questi, anche il Protocollo Energia, il quale, all’art.7, testualmente recita: “(le parti contraenti) si impegnano inoltre a salvaguardare il regime idrico nelle zone di vincolo idropotabile, nelle aree protette con le loro zone cuscinetto, nelle zone di rispetto e di quiete, nonché in quelle integre dal punto di vista naturalistico e paesaggistico.”

Le associazioni ambientaliste ritengono che, prima di pensare a facilitare il rilascio di nuove concessioni, la Regione bene farebbe (ed anzi la legge, come visto, glielo impone) a verificare l’integrità degli ultimi corsi d’acqua piemontesi e la necessità di una loro tutela, piuttosto che di un loro sfruttamento (anche in funzione di uno scopo che un ente accorto dovrebbe fare proprio, e cioè quel turismo sostenibile che i corsi d’acqua integri alimentano), oltreché, ci permettiamo di rilevare, l’effettiva economicità di molti progetti di sfruttamento, circa la quale è lecito nutrire seri dubbi.

In questa prospettiva, da lungo tempo chiediamo che la Regione emani “linee guida” per il settore idroelettrico, che comprendano precise norme di tutela dei corsi d’acqua ancora totalmente o parzialmente intatti, criteri di esclusione e misure per il rispetto del DMV, oltre che revisione delle concessioni quando si evidenziano danni agli ecosistemi acquatici o si rivela impossibile raggiungere obiettivi qualitativi accettabili per la risorsa acqua.

Le associazioni ricordano che voci di notevole preoccupazione si sono levate a proposito del tema dello sfruttamento a scopi idroelettrici anche da parte di enti e di esperti naturalisti nel partecipato convegno dell’11 dicembre 2012, presso il Gruppo Abele di Torino, che purtroppo non ha visto la presenza di alcun rappresentante dell’ente Regione.

Segreteria:

Pro Natura Piemonte, via Pastrengo 13, 10128 Torino – Tel. 011.5096618

Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, via Maria Ausiliatrice 45, 10152 Torino – Tel. 011.2215851

—————————————————————————————————————————————————

Info serpillo1
Frequento praticamente da sempre le Valli di Lanzo, mi piace "rallentare", nel mio tempo liberato, facendo escursionismo tutto l'anno. Sono accompagnatrice nel C.A.I.

6 Responses to Energia idroelettrica

  1. Rebecca says:

    Siamo ancora in tempo a comportarsi bene con la nostra Madre Terra… e giunto il momento a cambiare se vogliamo avere un futuro per la prossima generazione… ti abbraccio Pif

    Mi piace

  2. Anonimo says:

    ….Le prime parole le ha dedicate al Papa emerito: oggi è San Giuseppe, onomastico di Joseph Ratzinger. Poi ha subito affrontato il tema principale, la “custodia” dell’altro, dell’ambiente, del creato. “Non dobbiamo avere paura della bontà, anzi neanche della tenerezza: il prendersi cura chiede bontà”, ha ripetuto due volte. E ancora: “il vero potere è il servizio”, soprattutto dei “più deboli e dei più poveri”….

    http://www.repubblica.it/esteri/2013/03/19/news/l_intronizzazione_di_papa_francesco-54863149/

    Mi piace

  3. Beppeley says:

    Credo che tutti noi abbiamo il dovere di rispettare i corsi d’acqua garantendo il DMV (che non è sempre rispettato).

    Il DMV dovrebbe garantire che a valle del punto di prelievo dell’acqua ne venga assicurata una certa quantità affinché il torrente non muoia.

    Sembra strano pensare a queste cose nella nostra epoca ipertecnologica ma quella sostanza, che noi possiamo avere tutti i giorni aprendo il rubinetto (trattata affinché sia potabile), in montagna ospita vita.

    Anche per le mie orecchie. Per la mia vista. Per il mio olfatto. Per la mia sete.

    Quando mi accosto ad un torrente rigoglioso, durante le mie escursioni, sento ribollire a mille la vita dentro di me.

    E’ una sensazione di profondo benessere, molto rassicurante.

    E’ vita. E La vita è sacra.

    Ogni cosa ha un limite diceva mia mamma.

    Noi oggi quel limite l’abbiamo superato abbondantemente.

    Mi piace

  4. serpillo1 says:

    Non può che far piacere sentire Papa Francesco che ci invita a tutelare la bellezza del creato e a non avere paura della gentilezza.
    L’acqua è considerata un elemento spirituale e sacro in tutte le culture e religioni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: