Davvero il Medioevo fu così caldo?

soleDiffondo volentieri questa notizia letta su di un quotidiano in merito alla presentazione del…

Progetto “Archlim”. Ricostruzione del clima medievale da fonti documentarie in area alpino-padana.

28 marzo 2013 – Ore 16,30-18,00

Archivio di Stato, Sala Conferenze

Piazzetta Mollino, 1 – Torino

Iniziativa nell’ambito della Giornata Mondiale della Meteorologia (www.wmo.int), 23 marzo 2013.

Interverranno all’incontro:

Maria Barbara Bertini – Direttrice Archivio di Stato di Torino

Luca Remmert  –  Compagnia di San Paolo

Giuseppe Sergi – Università di Torino, Dipartimento di Storia/CRISM

Luca Mercalli – Società Meteorologica Italiana

Note: Per informazioni: info@nimbus.it

Scarica l’invito

Il progetto «Archlim», sviluppatosi nel periodo 2010-2012 grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo di Torino, si riferisce allo studio delle condizioni climatiche del periodo precedente alla raccolta di dati meteorologici strumentali (che per l’Italia e gran parte d’Europa si colloca attorno al 1750), in particolare dei secoli centrali e terminali del Medioevo, in un ambito geografico che comprende prevalentemente la Valpadana e l’arco alpino occidentale, inclusi i corrispondenti versanti francese e svizzero, tramite fonti storiche e archivistiche […].

Ulteriori informazioni:

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

7 Responses to Davvero il Medioevo fu così caldo?

  1. souleiado says:

    Ciao se riesco vado volentieri a sentire giovedì….a presto!

    Mi piace

  2. martellot says:

    La cosa secondo me è davvero interessante. Ne saprò di più domani sera dopo l’appuntamento tuttavia da quello che ho intuito sembra che il Medioevo non sia stato poi così tanto caldo come alcuni credono…

    Mi piace

  3. Uberto Crescenti says:

    Che fine hanno fatto gli studi di Umberto Monterin che nei primi decenni del secolo scorso hanno documentato il Periodo Caldo Medioevale sulle Alpi? (si veda ad es.U. Monterin, 1937 :” Il clima sulle Alpi è mutato in epoca storica?” Comitato Nazionale di Geografia del CNR).

    Mi piace

    • martellot says:

      Grazie Uberto del tuo messaggio. Ho pensato di risponderti aprendo un altro post dove, se ritieni, potrai intervenire dal momento che a mio parere la “discussione” è molto interessante e merita un post a parte. Spero di leggerti nuovamente su questo blog!

      Mi piace

  4. Pingback: Il clima del Piemonte nel Medioevo | I camosci bianchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: