Joe Simpson e la nord dell’Eiger

Joe Simpson, lo straordinario alpinista de “La morte sospesa”, ci racconta della prima assoluta dell’Egier.
Grazie ad agh.

GIM

Il famoso alpinista-scrittore Joe Simpson (la cui straordinaria lotta per la sopravvivenza è narrata nel libro La morte sospesa, da cui fu tratto un gran bel film), ripercorre una delle vicende più tragiche dell’epopea dell’alpinismo classico: il tentativo del giovane e brillante scalatore Toni Kurz che nel 1936 affrontò con tre compagni di cordata l’inviolata parete Nord dell’Eiger.

Con una coinvolgente ricostruzione dei fatti accaduti in quei “maledetti” giorni, Simpson ci guida in un tempo e in uno spirito dell’alpinismo che sembrano oggi lontanissimi. L’impresa si concluse drammaticamente, ma rimane uno degli esempi più eroici e luminosi nella storia dell’alpinismo mondiale.

Il film si può vedere in edizione integrale e in italiano su Youtube, meglio vederlo subito finché dura! 🙂

View original post

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

5 Responses to Joe Simpson e la nord dell’Eiger

  1. paologiac says:

    Io avevo visto il film “Nordwand” sulla stessa vicenda, bellissimo e commovente, consiglio a tutti di vederlo. Adesso mi guarderò questo per fare poi un confronto.

  2. Beppeley says:

    Bel video.

    Ho scoperto Joe Simpson leggendo un suo libro che mi è piaciuto tantissmo per i risvolti personali: “Questo gioco di fantasmi. Storie vere di un sopravvisuto”.

    Ma il libro che lo ha reso famoso è “La morte sospesa” come puoi leggere da agh.

    Joe Simpson è davvero un bravo scrittore di alpinismo… e poi ha una storia personale davvero pazzesca!

  3. flaco says:

    Consiglio vivamente sull’argomento Eiger il libro di Capra Due cordate per una parete. Non una revisione storica, bensì una doverosa rivelazione, una ventata di verità sulle vicende della parete nord per antonomasia.

    Per quanto riguarda Agh… beh, direi che la sua recensione più acuta e indimenticabile sia quella di Vertical Limit… eh eh eh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: