Un giovane artista di montagna

“Ogni villaggio è un microcosmo che tende a riprodurre il macrocosmo dell’umanità intera, anche se in proporzioni un po’ diverse” (Luigi Luca Cavalli Sforza).

Minella_inaugurazione piccola pinacotecaQuesta notizia l’ho scoperta, quasi per caso, da un minuscolo articolo uscito sul quotidiano “La Stampa” nel fine settimana 20-21 luglio (non ricordo esattamente la data).

La nascita di questa piccola pinacoteca è un gioiellino per ricordare il pittore di Frassinetto Carlo Bonatto Minella nato nel 1855.

Mi piace evidenziare che, in un periodo dove le braccia nell’agricoltura erano fondamentali nei lavori famigliari, i genitori di questo giovane pittore hanno riconosciuto e supportato, seppur con fatica ed indebitandosi, il talento del figlio facendolo studiare a Torino presso l’Accademia Albertina.

L’Associazione Culturale AREACREATIVA42 di Rivarolo Canavese –tra i cui scopi ha la valorizzazione dell’arte storicizzata e la promozione del contemporaneo con particolare attenzione alle nuove generazioni– ha istituito il premio biennale per giovani artisti dedicato a Carlo Bonatto Minella.

Il tema di quest’ultima edizione (2013) verte sul tema “Oltre il corpo… l’anima”, …[una suggestione che trae origine dalla silente e sospesa pala d’altare con “La pietà” custodita all’interno della Chiesa Parrocchiale di Frassinetto in Canavese (TO); qui la scarnificazione del corpo senza vita del Cristo e l’atmosfera vibrante di “un tempo nel tempo” suggeriscono l’invisibile agli occhi: l’anima!]…

donna_ebrea_1877

Donna ebrea -1877-
Fonte http://www.vallesoana.it

Qui e qui maggiori informazioni riguardo la breve vita, tra realtà e leggenda, e le opere di questo virtuoso pittore di montagna.

Motivo in più, dopo la salita alla Quinzeina, per fermarsi nella borgata e far ossigenare così non solo le gambe ma anche il cervello.

Info serpillo1
Frequento praticamente da sempre le Valli di Lanzo, mi piace "rallentare", nel mio tempo liberato, facendo escursionismo tutto l'anno. Sono accompagnatrice nel C.A.I.

2 Responses to Un giovane artista di montagna

  1. paologiac says:

    La storia di Bonatto Minella l’avevo sentita anni fa quando affittavamo una casa a Frassinetto. La storia dei formaggi venduti per pagarsi gli studi è vera ma un pò ridimensionata: pare che scendesse a piedi fino a Torino non con un cesto di formaggi, dalla cui vendita non avrebbe ricavato molto, ma con una gerla piena di tome!
    Ho cercato più di una volta i suoi quadri alla Galleria d’arte moderna, ma purtroppo non sono esposti!

  2. serpillo1 says:

    Peccato perchè avere un allievo così..
    Leggendo, alcuni quadri sono esposti presso la Galleria Civica di Arte Moderna di Torino, altri in alcune chiese del canavese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: