Sfregiamoci

Ecco lo sfregio al paesaggio del versante sud della Val Grande di Lanzo provocato dalla costruzione della pista Pera Berghina-Pian delle Riane, attraverso il bosco del “Pasé”, nel Comune di Groscavallo (qui il post con le foto fatte nel bosco). Scatti effettuati ieri sullo spartiacque Val d’Ala-Val Grande di Lanzo nei pressi di Punta del Rous (2556 m).

Chi fa queste cose non ama la montagna.

Qui la galleria foto (con la possibilità di ingrandirle nel formato originale).

Qui i post correlati (dal meno recente):

Una storia poco conosciuta sulle montagne di Gian Piero Motti

Il Pasé. E una strada, o due…

MAN è arrivato nelle Valli di Lanzo

30 km di piste forestali nelle Valli di Lanzo

Andar per piste nelle Valli di Lanzo

Montagna: piste forestali, lo sviluppo (in)sostenibile nelle alpi occidentali (articolo di Fabio Balocco sul Fatto Quotidiano)

Si chiama Sviluppo Rurale 2014-2020

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

3 Responses to Sfregiamoci

  1. serpillo1 says:

    Questo taglio simile ad una ferita.. siamo forse circondati da tanta Bellezza che non ci accorgiamo di quel che si sta perdendo?

  2. Comunico che la nuova strada da Pera Berghina al Bec di Mea è ormai giunta alle porte di Roci Ruta, al margine del bel pianoro wurmiano del Pianè, che fra qualche ora non esisterà più nella sua integrità. La strada ha completamente cancellato i due terzi del suggestivo “Anello Alboni”. Il tratto superstite è reso ora assai rischioso da massi instabili fatti rotolare dal taglio della pista. I recenti cartelli posti dal CAI sono scomparsi e quelli rimasti sono sepolti da una coltre di abeti abbattuti. E’ questione di ore e poi scomparirà per sempre, almeno come l’abbiamo conosciuto, il suggestivo pascolo roncato della Vaccheria. Seguirà stessa sorte il paesaggio del Bec di Mea.

  3. ariela r. says:

    Bisogna riconoscere che i tradimenti nella vita non finiscono mai.
    Non ci resta che piangere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: