Un paradiso chiamato Calanques

calanquesTesto e foto di Carlo Crovella

Nonostante il mio indiscusso amore per le vette immacolate, per i 4.000, per le creste affilate dai venti gelidi, per me il paradiso si trova in riva al mare. Le Calanques costituiscono un tratto di costa mediterranea, rimasta “selvaggia” e compresa fra Marsiglia e Cassis: alte pareti calcaree, che variano dal bianco al giallo all’ocra, si contrappongono al blu del mare, spruzzato dalla spuma delle onde; tutto intorno, stridìo di gabbiani e profumo di macchia mediterranea; e poi sudore dell’arrampicata e sapore metallico del Pastis bevuto alla taverna con i pescatori. Non è l’estate la stagione migliore per le Calanques, arroventate dal sole e arse come deserti. Alla primavera, meglio ancora l’autunno che offre giornate terse e mare caldo per fantastici bagni. I ponti dei Santi e dell’Immacolata sono appuntamenti ideali per “spedizioni” in Calanques, ed anche le vacanze di Natale, se le Alpi non sono impreziosite dalla neve. Tutti gli arrampicatori possono godere di questo immenso paradiso, sgranato su ogni livello di difficoltà. Ma anche chi non arrampica ne può beneficiare fino in fondo: una fitta rete di sentieri, più o meno impegnativi, soddisfa i desiderata di ogni camminatore. Esite una “Alta Via” che si percorre in tre o quattro tappe, con alcuni passaggi obbligati e qualche problema logistico (non si trova acqua fuori dai paesini). Sono però assicurati bivacchi in spiagge isolate (formalmente vietati…): di notte sarete coperti solo dalle stelle, con lo sciabordìo della risacca che culla i vostri sogni. In più si possono effettuare splendide escursioni in giornata, con zaino leggero e spirito lieve, sapendo che, alla sera, tornati nella civiltà, vi aspetta un cous-cous algerino o una saporita bouillabaisse (zuppa di pesce), innaffiati da un bianco freddo e pungente. Calanques: non è detto che per raggiungere il paradiso, si debba necessariamente “salire” verso i 4.000 metri.

2 Responses to Un paradiso chiamato Calanques

  1. serpillo1 says:

    Grazie del suggerimento! qualunque cosa si faccia, basta “essere” nel momento..

  2. Beppeley says:

    Viene voglia di partire subito!
    La foto poi dice tutto!
    Grazie mille Carlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: