La montagna possibile

uja“So che non ti piace camminare, ma guarda che è solo un pregiudizio. Camminare è una guarigione. Un’esperienza di salvezza. Mi devi credere” (Michele Serra)

Vi ricordate il post Il silenzio della montagna e il senso del sacro e Valli di Lanzo, zona franca dall’eliski? Sembrava distante milioni di anni luce la possibilità di vedere da qualche parte sulle nostre montagne fermare l’eliski per salvaguardare il silenzio e il rispetto della natura (quella cosa costituita da esseri viventi e non da macchine). Invece è successo che il 30 novembre 2016 il Comune di Balme (alta Val d’Ala – Valli di Lanzo) ha emanato una delibera che blocca l’eliski e favorisce l’escursionismo. Pare strano, vero? Stop alle macchine e via libera agli esseri umani. Pensate che la cosa ha talmente entusiasmato l’onorevole Ermete Realacci (Presidente Commissione Ambiente e Territorio della Camera) – soprattutto dopo aver saputo che siamo l’unico Paese alpino che consente l’eliski senza alcuna regolamentazione – che l’11 gennaio scorso ha presentato un’interrogazione, insieme all’onorevole Enrico Borghi, al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sull’opportunità di vietare l’eliski. La risposta del Ministro è stata favorevole, almeno per quanto riguarda l’impegno ad una regolamentazione di tale attività. Qui l’atto della Camera e qui il post di Realacci su FB.Da Balme a Roma si passa attraverso i social… sembra impossibile ma a quanto pare in questo caso, grazie alle nuove tecnologie, che ci consentono di condividere facilmente e semplicemente – dissolvendo i gangli della burocrazia -, si è riusciti a fare qualche importante passo in avanti verso la civiltà.
Se ne parlerà sabato 11 febbraio 2017 a Lanzo Torinese grazie al convegno “Turismo degli elicotteri o turismo del rispetto?” organizzato dall’Associazione Mountain Wilderness.

bessanese-e-ciamarella

Ecco il programma:

Turismo degli elicotteri o turismo del rispetto?
Lanzo (To), sabato 11 febbraio, ore 15, presso il salone LanzoIncontra
(Piazza Generale Ottavio Rolle)
  • Tina Assalto, Sindaco di Lanzo, Presidente dell’Unione montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone. Saluti e apertura convegno
  • Carlo Alberto Pinelli, Presidente di Mountain Wilderness Italia, L’impegno di Mountain Wilderness
  • Vincenzo Torti, Presidente Generale del CAI. Il Club Alpino Italiano e le Terre Alte.
  • Annibale Salsa, past president del CAI. La montagna maestra del limite.
  • Gianni Castagneri, assessore del Comune di Balme. La scelta di Balme.
  • Filippo Di Donato, responsabile nazionale TAM (Tutela Ambiente Montano). Il CAI e I’ambiente.
  • Roberto Colombero, presidente dell’Unione Comuni Valle Maira. Il caso valle Maira.
  • Toni Farina, Mountain Wilderness. Il programma 2017 BalmExperience.
  • Silvana Accossato, Presidente della Commissione Ambiente del Consiglio regionale del Piemonte. Le scelte della Regione Piemonte
  • Enrico Borghi, deputato, Presidente UNCEM (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani). L’UNCEM e il turismo ambientale.
  • Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati. Che si fa in Italia?

Moderatore: Alessandro Gogna, alpinista, garante di Mountain Wilderness.

ciaspole

Segue buffet con prodotti locali.

Info: Toni Farina (cell. n. 335 7035304) – farina@mountainwilderness.it

logo-balmaexperience1-1280x226

Il logo con cui Balme e Mountain Wilderness promuoveranno nel 2017 un intenso programma di attività legate all’escursionismo

Info Beppeley
Un amante della montagna, quella vera, non quella stereotipata della neve e dello sci. Accompagnatore del CAI, mi piace fare escursioni in tutte le stagioni cercando di vedere con occhi nuovi la montagna, trasformando la mia "vista" da cittadino adulto in quella da bambino che scopre cose nuove.

7 Responses to La montagna possibile

  1. Beppe Rulfo says:

    …un grande passo per le Valli di Lanzo…speriamo copiato da tutti i comuni dell’arco alpino!!!

    Mi piace

  2. Livia says:

    Enrico Borghi presidente Uncem è lo stesso Enrico Borghi sponsor di Interconnector mega elettrodotto che devasterà gran parte della val d’ossola per scendere poi verso Stresa e il lago maggiore. Enrico Borghi è uno dei 3 sindaci che hanno firmato l’accordo con Terna. Credo che fargli della pubblicità gratuita come se fosse un paladino della montagna, del turismo eco sostenibile sia fare disinformazione.

    Mi piace

  3. mary piova says:

    La montagna è pace e silenzio

    Mi piace

  4. Beppeley says:

    Il presidente del Cai Piemonte Michele Colonna: «In montagna, per noi, si va a piedi. Non c’è altro da aggiungere». 

    http://www.lastampa.it/2017/02/05/societa/montagna/ambientalisti-contro-appassionati-tempo-di-battaglia-sulleliski-3lXA9aXFImme2QwJ8XM8rI/pagina.html

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: