Lasciamo spazi di silenzio

Si leggono tante cose sulla montagna, soprattutto in estate quando sembra che succeda tutto e il peggio di tutto. Tante banalità, tanto marketing, tanto spettacolo, tanta competizione, tanti numeri. Tanto consumismo. La montagna sembra trasformata in un gigantesco specchio delle nostre meschinità, della nostra misera quotidianità infarcita di carnevalate urbanocentriche.

E allora proviamo ad uscire dai “sentieri più battuti” per proporre una riflessione di Andrea Bocchiola sulle prospettive di sviluppo dell’Alpe Devero (pubblicata originariamente sul sito di Mountain Wilderness). La troviamo genuina e necessaria, come certe montagne che sudiamo nei nostri vagabondaggi. Colmi di silenzio, solitudine e di estraneità.

La necessità del vuoto. L’uomo e lo spazio alpino.

Nel Parco della Barre des Ecrins, in Francia, non ci sono impianti di risalita, non c’è copertura cellulare e i sentieri non sono segnati. Il parco è frequentatissimo.
Qui dove sono, mentre scrivo, la natura è selvatica e pericolosa. Il cellulare prende poco o nulla e all’ingresso dell’area un cartello avvisa che da quel punto in poi ognuno è responsabile di se stesso. Non sono disperso chissà dove in Karakoram. Sono in California, nella zona dei Needles, e siamo in tanti, alpinisti, scalatori, hikers. Nessuno sembra aver bisogno di nient’altro che del poco che c’è. Ossia niente. Nessuno pensa a sconvolgere questo spazio con i segni di quella antropizzazione che lo circonda da ogni dove.
Al Devero, piccola nicchia di solitudine alpina sin troppo sotto assedio, si pensa invece di penetrare persino quel poco di spazio selvatico rimasto, la valle del Bondolero e un tratto del Cazzola, con degli impianti di risalita. La cosa, vista da così lontano, è ancora più incomprensibile e inusitata.
Non penso alle molte ragioni ambientaliste, economiche, logistiche che si oppongono al progetto. Altri più addentro di me lo stanno già facendo.

Penso a qualcosa di più profondo, che sta a monte di questo occasionale progetto di sviluppo turistico. Penso alla sempre più estesa intolleranza verso tutti quegli spazi che non sono a misura d’uomo. All’urgenza panica di riempire ogni spazio, materiale e immateriale con qualcosa che lo riduca alla nostra miserabile misura d’uomini. Di non lasciare che un vuoto, una briciola di inquietante estraneità si insinui nel nostro pensiero e nella nostra esperienza. Di impedire alla estraneità, che sia quella della natura o quella, nei nostri tragici e mediocri giorni, del migrante, o semplicemente dell’altro da noi di insinuarsi nel nostro campo di azione. Pensate, per fare un esempio banale, alla musica diffusa sugli impianti da sci. A cosa serve se non a saturare un momento di vuoto, di inazione, a tamponare chissà quali pensieri rischierebbero di saltare alla mente.
Vogliamo ridurre a questo l’Alpe Devero o tutte le nostre montagne? Vogliamo ridurre a questo lo spazio alpino? Allora bisogna ricordare che questa operazione sciagurata non è solo qualcosa che facciamo alla natura.

È qualcosa che facciamo a noi e alla nostra vita intima e profonda. La mano che cancella il mondo fuori di noi, nella sua meravigliosa estraneità, è la stessa che cancella la misteriosa vita intima dei nostri pensieri. Facciamo. In cambio avremo una doppia distruzione. Lo scrivo da psicoanalista, lo scrivo da alpinista accademico del CAI, lo scrivo semplicemente da uomo di montagna. E spero che altri uomini di montagna come me, la maggior parte amici, alcuni amici fraterni, possano e vogliano condividere queste mie parole.

Andrea Bocchiola è esponente del Club Alpino Accademico Italiano, formidabile alpinista che ha contribuito a scrivere alcune delle più significative pagine dell’alpinismo ossolano degli ultimi anni, docente universitario di Etica della Filosofia, raffinato psicanalista lacaniano.


Le foto di questo post non fanno riferimento alle montagne dell’Alpe Devero. Non importa. Perché qui per noi era prioritario ricondurvi a delle esperienze di silenzio, vuoto ed estraneità. Come quella bellissima escursione che ce l’ha donate e che speriamo vi abbia catturato.

Grazie infinite ad Andrea Bocchiola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: