La RPE del Piemonte nel 2012

escursionismoQuanto trovate scritto qui di seguito è opera di Paolo Caligaris che ha commentato il post “Basi economiche dei sentieri escursionistici“.

Ringrazio sentitamente Paolo Caligaris che so che sta lavorando intensamente, insieme ai suoi colleghi, affinché la nostra Rete del Patrimonio Escursionistico (RPE) possa nei prossimi anni essere curata e resa funzionante come merita essendo essa un pilastro importante dell’offerta turistica di base.

Senza opportunità sostenibili di sviluppo economico, le nostre montagne sono destinate ad un pericoloso declino che andrebbe ineluttabilmente anche a riflettersi in pianura per i problemi legati all’abbandono di un territorio molto fragile e bisognoso di attenzioni, un territorio che ha bisogno di essere custodito.

Vi invito a leggere con attenzione quanto ci spiega con estrema chiarezza Paolo Caligaris perché è un invito a riflettere con sereno rigore su una parte fondamentale del territorio piemontese, quello appunto rappresentato dalle nostre bellissime vallate alpine.

Una riflessione che non può prescindere dall’importanza dell’Unione Europea nel convogliare risorse finanziare per progetti assolutamente importanti e condivisibili proprio in un momento drammatico delle nostre finanze.

Il riferimento allo studio di cui ci parla Paolo Caligaris proprio all’inizio del suo scritto è quello che trovate in questo post.

Leggi il resto dell’articolo